Culture

"Scienza è cultura": cento ospiti per dimostrarlo, il festival in Sardegna

 

 

CAGLIARI. “Scienza è cultura” è il tema della XII edizione del Festival Scienza, che partirà dal 7 novembre alle 16 all’Exma di Cagliari e che si diffonderà per tutto il mese di novembre in altre 4 sedi sarde: Oristano, Siniscola, nel Sarcidano e Iglesias. Senza scienza non ci può essere cultura e così neppure progresso e futuro: lo spiegheranno gli oltre 100 ospiti attesi, personaggi di spessore culturale e scientifico tra cui, ad aprire il lungo e articolato programma, il fisico Pier Andrea Mandò, e lo scopritore dei neuroni specchio Giacomo Rizzolatti, ma anche l'astrofisica Sandra Savaglio e il giovane talento della matematica Massimiliano Foschi. 

Tra le importanti novità, la collaborazione con la fondazione nazionale Airc per la ricerca sul cancro e, già prevista dallo scorso anno, la cerimonia di consegna del primo premio nazionale "Donna di Scienza". Durante la cerimonia, coordinata da Susi Ronchi, coordinatrice della sezione sarda Giulia Giornaliste in Sardegna, saranno presenti anche il  rettore dell'Università di Cagliari Maria del Zompo, la presidente del festival Carla Romagnino e la giornalista Silvia Rosà Brusin del TG Leonardo. 

Cinquecento anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, i 150 anni della creazione dell’invenzione della tavola periodica degli elementi, i 100 anni dalla nascita di Primo Levi e i 50 anni dal primo sbarco dell’uomo sulla Luna sono le ricorrenze che si intrecceranno con le tre linee guida principali del festival: il patrimonio culturale della scienza, scienza come bene sociale (intesa come cultura della pace delle varie opportunità e dell’ambiente) e la cultura dello sperimentare. Linee guida che orbitano attorno al tema principale della manifestazione e che si articoleranno negli oltre 100 eventi in programma tra conferenze, mostre, laboratori, spettacoli e seminari. Tra le sedi principali del festival: l’Exma, la Fondazione di Sardegna e il teatro Sant’Eulalia, dove si terranno gli spettacoli. Grazie alla collaborazione con l’Università di Cagliari, ci saranno inoltre tante attività alla Cittadella di Monserrato e nelle altre strutture universitarie situate in via Trentino.