Moses-Concas

CAGLIARI. Quando ha iniziato a suonare l’armonica era solo un bambino. Negli anni quella che era nata come una passione si è trasformata in un lavoro. Prima come artista di strada, poi - dopo la vittoria della settima edizione di Italia’s Got Talent nel 2016 - in tournée in giro per il mondo. Moses Concas, 29 anni, nato a Iglesias ma cresciuto a Quartu, ha inciso il suo primo album, in uscita a Natale. E negli studi di YouTg.net dà un'anteprima del brano inedito “Meow of the night”.

Per visualizzare il video da desktop, è necessario permettere l'esecuzione del plugin Flash.

CAGLIARI. È diventato una star della rete grazie ai suoi video divertenti, oggi Cristian Basciu - a quasi tutti noto come “Fisso ridendo”- oltre a regalare risate sul web è riuscito a mettere su alcuni spettacoli teatrali. Il prossimo, in programma per il 17 dicembre, è già sold out.  “Non mi aspettavo di essere seguito a tal punto, quando ho scoperto che i biglietti stavano finendo sono rimasto senza parole”.

Per visualizzare il video da desktop, è necessario permettere l'esecuzione del plugin Flash.

Cristian per adesso si ritiene disoccupato ed è alla ricerca di un lavoro fisso. Ha un sogno nel cassetto, quello di poter guadagnarsi da vivere un giorno grazie ai suoi spettacoli. Da più di un decennio è fidanzato con la sua “Mommy” che è all’ottavo mese di gravidanza: presto rideranno in tre.

CAGLIARI. Cento ritratti di autori in conflitto con il loro tempo, per questo erano considerati pericolosi. "Gli Imperdonabili" è il nuovo libro del giornalista e scrittore Marcello Veneziani, presentato a Cagliari nella sala convegni della Fondazione Banco di Sardegna.

Cagliari, l'intervista a Marcello Veneziani

Il loro insegnamento? "Non bisogna cercare di capire la realtà delle cose solo guardando a ciò che passa nel momento, esistono altri riferimenti, come questi imperdonabili". Veneziani parla anche della manifestazione antifascista dopo il blitz dei naziskin a Como: "Folklore. Il fascismo è morto da 72 anni. Nessuno, dopo la bomba alla caserma dei carabinieri, ha pensato che esista un ritorno del pericolo anarco-comunista". 

CAGLIARI. "No potho reposare" è una canzone meravigliosa. Ma cantata in una stanza dell'ospedale oncologico Businco, a Cagliari, da una paziente con una bella voce, accompagnata dal gruppo Brinca di Desulo, conquista qualcosa in più. E commuove. Il video è stato registrato questa sera. Un'esibizione  da ascoltare. 

Per visualizzare il video da desktop, è necessario permettere l'esecuzione del plugin Flash.

Runner-con-passeggino-maratona-Cagliari

(Foto di Sonia Siddi)

CAGLIARI. Bellissima gara, bravi tutti, pessima la Fidal. A due giorni dalla gara è ancora amareggiato Luca Mattavelli, runner di Vimercate (Monza), che domenica scorsa ha preso parte - insieme ad altri quattromila appassionati - alla decima edizione della mezza maratona di beneficenza CagliariRespira. Arrivato al traguardo del campo Coni, Luca è stato squalificato dalla gara, con tanto di cartellino rosso sventolato in faccia. La sua colpa? Aver corso con lo stroller, il passeggino da running, con a bordo la sua piccola Aurora. "Non ho parole, questo è il modo in cui la Federazione Italiana di Atletica Leggera promuove lo sport nel nostro paese - si sfoga su Facebook il runner brianzolo - È ora di cambiare qualcosa e di svecchiare dei regolamenti a dir poco assurdi, ghettizzanti ed offensivi".

Nel regolamento Fidal, in effetti, non figurano prescrizioni o divieti in proposito. E di esempi di corridori in stroller in giro per il mondo se ne trovano non pochi. Il 16 ottobre del 2016 il runner canadese Calum Neff durante la Scotiabank Toronto Waterfront Marathon ha battuto il record maschile di corsa con passeggino - che ancora detiene - con un tempo di 2 h 31' 22''. Forte di questa tradizione, domenica scorsa Luca si è presentato ai blocchi di partenza di viale Diaz posizionandosi in coda al gruppo per non intralciare la corsa degli altri partecipanti. Arrivato al traguardo, l'amara sorpresa. Ora Luca è tornato a casa e aspetta la pubblicazione della classifica ufficiale: solo allora capirà se la Fidal sarà nel frattempo tornata sui suoi passi.