MONASTIR. Ha perso il controllo della sua utilitaria all’altezza della curva di Monastir, sulla statale 131, finendo sullo spartitraffico centrale. Poteva andare molto peggio alla ragazza alla guida di una Lancia Ypsilon che questa sera, intorno alle 18.45, è rimasta coinvolta in un incidente stradale che ha creato non pochi disagi al traffico in direzione Sassari. Sul posto un’ambulanza del 118 che ha soccorso la giovane, trasportata in ospedale in codice giallo, insieme ai vigili del fuoco e alla polizia stradale di Cagliari, per effettuare i rilievi e ridurre i disagi per gli automobilisti.

Incidente-viale-Marconi-26-maggio-2018

CAGLIARI. Prima il sorpasso al pullman, poi un attimo di distrazione (forse per guardare all’interno) e il guidatore che non si accorge che l’auto davanti è ferma, finendole addosso con il rischio di essere investiti dallo stesso autobus dove, a causa dell’inchiodata dell’autista, un passeggero è caduto nel corridoio.

Paura questo pomeriggio poco dopo le 17 in viale Marconi a Cagliari, dove due ragazzi a bordo di uno scooter hanno tamponato una Toyota Auris, ferma al semaforo all’incrocio con via Galvani: nell’urto, uno dei due è rimasto ferito alla gamba sinistra, con cui ha colpito duramente il paraurti dell’auto, prima di finire sull’asfalto. La prontezza di riflessi dell’autista del pullman della linea 31, con una trentina di persone a bordo, ha fatto sì che il mezzo non investisse i due giovani, ma una ragazza tra i passeggeri, che si apprestava a scendere alla successiva fermata, per il contraccolpo è caduta nel corridoio. Sul posto sono intervenute due ambulanze del 118, che hanno trasportato i feriti al pronto soccorso. I rilievi sono stati eseguiti dagli agenti della polizia municipale. 

Gianluca-Dess-primo-piano

VILLASIMIUS. Un bilancio comunale che passa da 14 a 22 milioni di euro, un esercizio 2017 che si chiude con un avanzo positivo di oltre un milione di euro, la costituzione di una Destination Management Organization per il rilancio turistico di Villasimius a livello internazionale, l’ingresso nel progetto Stratus, per uno sviluppo del territorio nel rispetto dell’ambiente, sotto l’egida della rinnovata Area Marina Protetta, la disoccupazione che cala dall’11% al 6%. L’elenco dei risultati conseguiti in quattro anni dall’amministrazione condotta da Gianluca Dessì è lungo e circostanziato, e il sindaco lo rappresenta nel corso di un’assemblea pubblica cittadina in piazza Gramsci, dopo due anni e mezzo di silenzio imposto dal pm e dai legali. Tanto sono durate le indagini preliminari per l’accusa di abuso d’ufficio e il conseguente avviso di garanzia giunto a tutta la maggioranza, che si conclude con l’archiviazione del procedimento da parte della Procura della Repubblica.

ssk178851578villasimiuscalagiuncoafilodacquastefanogaraursz

“In quattro anni siamo già andati anche oltre le promesse del nostro programma, e questo nonostante per due ci siamo ritrovati con le mani legate e qualcuno abbia cercato di mandarci a casa”, afferma Dessì. Il sindaco annuncia collegamenti diretti da Milano, Roma e Verona attraverso voli charter operati dalla compagnia Neos, in accordo con Alpitur, dopo il recente epilogo positivo della questione Tanka Village:  “Se la continuità territoriale non c’è, noi ce la andiamo a cercare”, dice Dessì, auspicando un confronto sempre più serrato con gli albergatori e con tutte le strutture ricettive del territorio. E poi il progetto di riqualificazione ‘Land’, in partenza a giugno, che darà un nuovo volto ai parcheggi e alla piazza di Simius, alla piazzola di Capo Carbonara,  e renderà i due stagni di Su Stangioni e Notteri a misura di visitatore, con passerelle e una stazione per il birdwatching.

Il sindaco è un fiume in piena e gli non basta l’ora prefissata per raccontare ai concittadini ciò che è stato fatto dal 2014 a oggi per offrire loro maggiori e migliori servizi,  e per portare Villasimius verso un turismo 2.0, dal rifacimento del manto stradale all’illuminazione di zone dimenticate, fino all’istituzione di un bus navetta diretto dall’aeroporto, inaugurato lo scorso anno. “Il nostro obiettivo è far arrivare i visitatori a Villasimius con 100 euro, che includano volo e bus, e questo non perché ci interessi un turismo di massa scriteriato, ma perché risparmiare sul viaggio significa avere una maggiore capacità di spesa sul territorio”, spiega Dessì.

Perché è un dato di fatto che sia soprattutto il turismo la vocazione di Villasimius, e sul suo sviluppo l’amministrazione ha scommesso fin dal 2014. Con l’ammodernamento dell’ufficio turistico, che ora apre 6 mesi all’anno e offre posti di lavoro a 5 addetti che parlano 3 lingue. Con una gestione più oculata dell’Area Marina Protetta, che oggi ha uno staff di 11 persone e un direttore che guadagna 1500 euro al mese, contro gli 80mila euro annui di chi lo ha preceduto. Con l’apertura del Museo del Mare e la riqualificazione di Casa Todde, la riapertura dopo 30 anni degli scavi del sito archeologico fenicio-punico di Cuccureddus, e l’allungamento della stagione con manifestazioni culturali, come Monumenti Aperti - che il fine settimana scorso ha portato oltre 1200 visitatori a maggio – e sportivi. Tra questi ultimi, il Torneo Internazionale di Calcio, con squadre giovanili del calibro di Juventus, Milan, Roma, Benfica e New Castle - che ad aprile ha fatto confluire oltre 2400 persone - la gara a ostacoli Nature Race a inizio maggio, e la competizione di catamarani GC32 a settembre. E ancora, il rinnovo del Parco Bussi, che a breve potrà ospitare di nuovo spettacoli in sicurezza, e la costruzione dei primi bagni pubblici in centro.

Ma anche risultati a più diretto beneficio della popolazione locale: la costruzione di una palestra scolastica da 1 milione di euro, la promozione dello sport, corsi di lingua inglese e russa, l’abbassamento delle tariffe Tari, sia per i cittadini che per le attività economiche, l’incremento della raccolta differenziata dal 49% all’80%, la consegna delle case Area. E altri vantaggi indiretti, come il risanamento di debiti fuori bilancio per 2 milioni di euro, l’estinzione di mutui per oltre 500 mila euro, il recupero di 2 milioni e 500 mila euro nei confronti di Abbanoa e un porto turistico che comincia finalmente a portare utili, dopo anni in rosso di una gestione sconsiderata.

“Abbiamo ancora tanti progetti da portare avanti – conclude il sindaco – e se faremo sistema con le attività produttive tutti potremo trarne beneficio. Perché una volta finita la campagna elettorale, poco importa se siamo di destra o di sinistra: dobbiamo avere un obiettivo comune, che deve essere solo il benessere della  nostra comunità e la crescita della nostra economia”. 

Archeotreno

CAGLIARI. Visita al parco archeologico Monte Sirai e alla miniera di Serbariu, a Carbonia. Ma da Cagliari si viaggia a bordo di un antico treno: domenica 27 maggio 2018 la locomotiva a vapore 740 423 con due carrozze “Centoporte” partirà da Cagliari alle ore 8,35 con arrivo a Carbonia (Serbariu) alle 10.   L'associazione Sarda Treni Storici "Sardegnavapore" organizza il viaggio a Carbonia per visitare, durante la mattina, il Parco Archelogico Monte Sirai e nel pomeriggio la Grande Miniera di Serbariu.11. Il treno partirà dal binario n°8 della stazione di Cagliari  con 150 viaggiatori. La partenza da Carbonia è prevista alle ore 18,49  con arrivo a Cagliari alle ore 20,19. Durante la sosta, dalle 10 alle 17 il treno sarà a disposizione della cittadinanza di Carbonia per una visita guidata gratuita.

Auto-bruciata-vigili-del-fuoco

CAGLIARI. Ha dato fuoco a una Panda parcheggiata in via Asiago, a Cagliari, nella notte fra giovedì e venerdì. Ma il suo gesto è stato ripreso dalle telecamere.  Il giovane, un 29enne cagliaritano, pregiudicato, è stato riconosciuto dagli Agenti anche grazie alle telecamere del sistema di videosorveglianza di un esercizio commerciale della zona ed è stato identificato e denunciato in stato di libertà per il reato di danneggiamento. Dalle immagini si vede nitidamente il ragazzo arrivare a piedi con in mano degli oggetti, chinarsi davanti allo pneumatico e armeggiare per qualche istante. Dopo un attimo si nota una fiammata che avvolge la parte posteriore del veicolo e poi propagarsi al resto dell’auto.